COMUNICATO STAMPA - ARABAFENICE 2017

Condividi ora:



Pubblicato il: 31/07/2017
Pubblicato da
Categorie: Arabafenice 2017

ALCAMO, AL VIA L’ARABAFENICE 2017: TORNA LA CULTURA NELLA NATURA SUL MONTE BONIFATO DAL 28 LUGLIO AL 2 SETTEMBRE APPUNTAMENTI CON LE ARTI E L’AMBIENTE INCONTAMINATO DEL BOSCO

Si comincia domani con il jazz del trio Club De, in cartellone anche Maugeri, Alajmo, Cutino e Petyx. Ampio spazio per l’archeo-trekking in notturna  e per le osservazioni con il telescopio.

Le cultura nelle sue varie espressioni, la natura incontaminata, le tracce della storia, i tramonti panoramici. Torna per la sua quarta stagione la rassegna L’Arabafenice in cima al monte Bonifato, sede della riserva naturale Bosco d’Alcamo gestita dall’associazione Vivilbosco, che organizza insieme con l’Associazione per l’Arte. Dal 28 luglio al 2 settembre saranno 14 gli incontri con le arti e con le bellezze ambientali del parco, che quest’anno sarà possibile esplorare anche al calare della sera.

“Anche in questa edizione 2017 proponiamo l’apprezzata formula delle conversazioni-performance all’aria aperta per unire i linguaggi della musica, della letteratura e delle arti visive al fascino dei luoghi”, dice Vito Lanzarone, che raccoglie il testimone della direzione artistica da Giuseppe Cutino, autore del progetto. Di Leonardo Di Franco la consulenza per le arti visive, mentre la direzione organizzativa è curata da Giuseppe Messana.

Spazio scenico degli appuntamenti culturali sarà la terrazza del ristorante la Funtanazza, con inizio sempre alle 19.30 (ingresso libero).

Per la serata inaugurale, domani 28 agosto, c’è la musica jazz del trio Club De, che affronta i capisaldi del bebop e del crossover ma anche la bossa nova, con qualche incursione nel pop rielaborato in chiave jazzistica. In scaletta, fra gli altri, brani di Charles Mingus, Miles Davis, Pat Metheny, Bill Frisell, Tom Jobim e dei Beatles. Compongono il trio il bassista e contrabbassista Giacomo Bertuglia, il clarinettista Francesco Giacalone e il chitarrista Michele Pantaleo.

Sempre per la sezione dedicata alle arti, il 3 agosto sarà inaugurata una mostra personale di Andrea Cusumano, pittore e scultore avvezzo alle sperimentazioni, oltre che docente al Goldsmiths College University di Londra. Nell’occasione l’autore dialogherà con Enzo Fiammetta, direttore del Museo delle Trame Mediterranee della Fondazione Orestiadi di Gibellina, e con Leonardo Di Franco, vicepresidente del Teatro Massimo di Palermo e di Manifesta 12.

Il 5 agosto saranno protagonisti Sabrina Petyx e Giuseppe Cutino che, in una conversazione curata da Filippa Ilardo, ripercorreranno la genesi del loro spettacolo teatrale intitolato Lingua di cane, atteso al debutto tre giorni dopo (l’8 agosto) alle Orestiadi di Gibellina.

Altra serata jazz il 10 agosto, con il sassofono di Orazio Maugeri, colonna del movimento jazzistico nazionale ma anche frequentatore della scena pop, che per anni lo ha visto al fianco di Francesco de Gregori. Con Orazio Maugeri suoneranno due volti noti del jazz siciliano, il pianista Toti Cannistraro e il contrabbassista Fulvio Buccafusco, per attraversare il repertorio di Herbie Hancock, Bill Evans e Chick Corea ma, soprattutto, per dedicare un omaggio a John Coltrane a 50 anni dalla sua scomparsa.

Ancora musica il 20 agosto, stavolta in territorio indie-folk, con l’incontro tra Maru Barucco, cantautrice siciliana che nell’autunno scorso ha pubblicato l’album d’esordio, e il trio di Stefano Alì. A “moderare” la conversazione ci sarà il Riccardo Stellino dell’associazione Koinè di Alcamo.

All’insegna della letteratura, invece, gli ultimi due momenti culturali in programma. Il 25 agosto al centro della scena saranno i racconti tratti dal pluripremiato magazine IL, di Idee e Lifestyle del Sole 24 Ore. Spunti di attualità, riflessioni e provocazioni per una chiacchierata tra e con Christian Rocca, direttore del mensile, e lo scrittore Mario Fillioley, che presenterà il proprio libro Lotta di classe. Le letture saranno affidate alla voce dell’attrice Stefania Blandeburgo.

L’1 settembre sarà ospite della rassegna il giornalista e scrittore Roberto Alajmo, direttore del Teatro Biondo Stabile di Palermo, per presentare il suo libro Carne mia. Ne discuterà con lui il giornalista Ernesto Di Lorenzo (incontro organizzato in collaborazione della Fidapa di Alcamo).

Sette anche gli appuntamenti della sezione naturalistica. Due osservazioni stellari (1 agosto e 2 settembre dalle 21.30) e una solare (20 agosto dalle 12) al telescopio, curate da Science & Joy in collaborazione con l’Osservatorio astronomico di Palermo, alle quali si aggiungono (con partenza alle 19.30) due appuntamenti dedicati al trekking (8 e 22 agosto) e altri due con l’archeotrekking (11 e 17 agosto) alla scoperta dei resti archeologici custoditi dal bosco.

Per info e prenotazioni si può telefonare ai numeri 0924.202626 e 328.9890361 o scrivere a info@boscoalcamo.it.

Comments are closed.

logo_tp